by Somma Informatica
Redazione
Contatta su Skype la Redazione di SommariaMente Free Press per inserire gratuitamente i tuoi articoli
oppure inviaci una mail a redazione@sommariamente.it
Editore
Contatta su Skype l'Editore di SommariaMente Free Press
oppure inviaci una mail a redazione@sommariamente.it
Marketing-Pubblicità
Contatta su Skype l'ufficio commerciale di SommariaMente Free Press per la tua pubblicità sul nostro sito e sul nostro cartaceo
oppure inviaci una mail a commerciale@sommariamente.it per il tuo PREVENTIVO GRATUITO
Cliccaci su Google+
LinkedIn

Premio AgnesSORRENTO – La nuova edizione del Premio di Giornalismo dedicato a Biagio Agnes, indimenticato direttore della Rai e fondatore di Saxa Rubra, il nuovissimo centro di informazione Rai, dopo le edizioni passate tenutesi ad Ischia e Capri, quest’anno sbarca nella Terra delle Sirene. Il sindaco Giuseppe Cuomo con l’assessore agli eventi Mario Gargiulo insieme al curatore stampa Luigi D’Alise, sono stati lieti di ospitare il grande parterre dei giornalisti del territorio nazionale donando alla città tre giorni di ampio respiro culturale. La manifestazione è organizzata dall’omonima fondazione presieduta da Simona Agnes sotto l’Alto Patronato del Presidente della Repubblica con i patrocini della Presidenza del Consiglio dei ministri, del ministero per i Beni e le attività culturali e del turismo, della Regione Campania, del Comune di Sorrento, della Federazione nazionale della stampa italiana, dell’Ordine nazionale dei giornalisti, dell’Usigrai e dell’Unione stampa cattolica.
L’edizione si è aperta il 24 giugno con il primo incontro-dibattito dal titolo “Uomini che odiano le donne: emergenza femminicidio”, tenutosi presso la Sala Consiliare del Comune di Sorrento, a cui hanno partecipato il magistrato e sostituto procuratore presso la Corte d’Appello di Roma Simonetta Matone, la criminologa Roberta Bruzzone, i giornalisti Paolo Borrometi e Massimo Lugli, moderato dalla giornalista Ida Colucci vice direttore del Tg2. Il dibattito ha affrontato un tema altamente attuale, ormai giunto ad un campanello d’allarme visto l’alto numero di omicidi di donne raggiunto, analizzando dettagliatamente alcuni aspetti e tracciando il profilo generale della mente dell’uomo divenuto criminale.
Simonetta Matone apre la conferenza affermando che l’origine dell’omicidio femminile non parte mai da un raptus improvviso ma scaturisce da una serie di segnali che lasciano presagire il tragico finale, maltrattamenti fisici e psicologici sono sempre campanelli d’allarme a cui bisogna fare attenzione, mai sottovalutarli e avere il coraggio di denunciare subito. La Matone ha anche descritto il profilo di alcune mamme degli uomini omicidi, in base alla sua lunga esperienza, mamme che hanno assecondato i figli ed iper protettive, facendoli crescere con poca responsabilizzazione. La criminologa Roberta Bruzzone ha tracciato l’identikit del potenziale carnefice affermando che si tratta di uomini che hanno difficoltà a relazionarsi, di livello culturale medio-alto, che non sanno tollerare frustrazioni emotive, maniaci del controllo aiutati oggi anche dagli strumenti tecnologici. Soggetti con alle spalle madri che li hanno sempre perdonati e giustificati. Donne che a loro volta perpetuano lo stereotipo della femmina sottomessa all’uomo, per cui sono prima questi luoghi comuni distorti che andrebbero sradicati dalla mentalità femminile”.
I giornalisti Massimo Lugli e Paolo Borrometi hanno sottolineato la grande importanza da parte dei mezzi di comunicazione di mantenere sempre viva l’informazione di questa scottante tematica al fine di far prendere coscienza a chi vive realtà simili e prendere le giuste decisioni.
Simonetta Matone ha aggiunto che la legge contro gli atti persecutori (stalking), può assumere effetti positivi o negativi a seconda della tipologia di omicida che ci si trova di fronte, positiva se il killer è sano di mente, negativo se ha disturbi di personalità, amplificando maggiormente il suo istinto ad uccidere.
Tra gli ospiti in sala anche il regista e produttore Enrico Vanzina che ha contribuito ad allargare l’argomento anche sotto il punto di vista cinematografico, analizzando gli effetti che il cinema di genere thriller e fiction possa avere sullo spettatore, il quale potrebbe assorbirlo e sfociarlo in facili emulazioni.
Il secondo incontro-dibattito dal titolo “Sud, locomotiva d’Europa”, moderato dall’ormai storico giornalista Rai Bruno Vespa, hanno preso parte il presidente della Regione Puglia Michele Emiliano, della Regione Basilicata Marcello Pittella, della Regione Calabria Mario Oliverio, Umberto Del Basso De Caro, Sottosegretario al Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, e il direttore della Reggia Di Caserta Mauro Felicori. Il dibattito che ha preceduto la cerimonia di premiazione, partendo dal titolo volutamente provocatorio, ha analizzato i punti in cui il Sud potrebbe diventare davvero la locomotiva d’Europa ma che in realtà trova ostacoli difficili da superare. Grandi e importanti siti storici – culturali, (solo Napoli ne possiede un numero altissimo) da anni sono il biglietto da visita del Sud ma che vivono una situazione di stallo perché gestiti isolatamente, talvolta mal curati e non messi in luce come dovrebbero. Mauro Felicori, nuovo direttore della Reggia di Caserta, in carica da pochi mesi, ha sottolineato la situazione che ha trovato, non totalmente preoccupante ma di totale stallo e indifferenza. Il dibattito si è concluso avanzando possibili proposte al fine di migliorare e rilanciare il nostro Sud Italia proprio partendo dai suoi punti di forza, creando una rete di percorso che possa da vita anche ad una gestione di tipo aziendale.
La Cerimonia di premiazione è avvenuta nell’antico Borgo di Marina Grande, registrata dalla Rai e che manderà in onda il giorno Mercoledì 29 alle 23,15, è stata condotta dalla bella Francesca Fialdini, già conduttrice di Uno Mattina, insieme al giornalista del Tg1 Alberto Matano hanno visto insigniti del prestigioso premio Adam Michnik (Premio Internazionale per il giornale Gazeta Wyborcza), Premio alla Carriera: Sergio Lepri (capo del servizio stampa del Pres. del Consiglio Fanfani e Direttore dell’ANSA dal 1961 al 1990), Premio per la Carta Stampata: Luciano Fontana (Direttore del Corriere della Sera), Premio per la Televisione: il TGR diretto da Vincenzo Morgante, Premio per la Radio: Prima Pagina (Rassegna Stampa di Rai Radio 3), Premio Spettacolo Costume e Società: Barbara Palombelli (Presentatrice di Forum su Rete 4), Premio Giornalista Scrittore: Antonio Di Bella (Direttore di RaiNews 24 e autore del Libro “Je Suis Paris” – Mondadori), Premio Stampa Periodica: Luigi Vicinanza (Direttore de “L’Espresso”), Premio Medicina e Informazione Scientifica: Adnkronos Salute, Premio Giovani Under 35: Claudio Cerasa (Direttore de “Il Foglio”), Premio Nuove Frontiere del Giornalismo: Buongiorno dal tuo amico sole (rassegna stampa de “Il Sole 24 ore”), Premio Giornalista Sportivo: Ilaria D’Amico (conduttrice Sky), Premio Speciale: Bruno Vespa (20 anni di “Porta a porta”), Premio Speciale: Polizia Moderna (Mensile della Polizia di Stato), Premio Speciale: don Marco Pozza, Premio Speciale: Paolo Borrometi (cronista dell’Agi che vive sotto scorta per i suoi articoli sulla mafia e per ciò insignito del titolo di Cavaliere della Repubblica dal Presidente Mattarella). La cerimonia è stata intervallata dalla esibizioni canore di personaggi di rilievo del mondo della musica come Mietta, che ha presntato il suo ultimo brano accompagnato dalle immagini del videoclip e Francesco Gabbani, vincitore Nuove Proposte all’ultimo Festival di Sanremo. Tramite un video le conduttrici Ilaria D’Amico e Barbara Palombelli si sono scusate per non aver potuto prendere parte alla cerimonia di premiazione per motivi di lavoro e familiari, al contempo hanno salutato il pubblico presente augurandosi si poter presenziare alla prossima edizione. La cerimonia si conclude con il saluto del sindaco che ringrazia tutti gli ospiti intervenuti con l’auspicio che si possa continuare a scegliere la scenografia sorrentina come ambiente di questo prestigioso premio.

Sommariamente Web Tv
Watch live streaming video from sommariamente at livestream.com
Cerca con google
Ricerca personalizzata
Facebook
Invia notizia

Il tuo nome (richiesto)

La tua email (richiesto)

Oggetto

Il tuo messaggio

Allega un file

Twitter
Iscriviti alla nostra Newsletter
Utenti iscritti al sito
    35169
Donazioni
Archivi
Protected by Copyscape Duplicate Content Protection Tool