by Somma Informatica
Redazione
Contatta su Skype la Redazione di SommariaMente Free Press per inserire gratuitamente i tuoi articoli
oppure inviaci una mail a redazione@sommariamente.it
Editore
Contatta su Skype l'Editore di SommariaMente Free Press
oppure inviaci una mail a redazione@sommariamente.it
Marketing-Pubblicità
Contatta su Skype l'ufficio commerciale di SommariaMente Free Press per la tua pubblicità sul nostro sito e sul nostro cartaceo
oppure inviaci una mail a commerciale@sommariamente.it per il tuo PREVENTIVO GRATUITO
Cliccaci su Google+
LinkedIn

Se vi capitasse, da ieri e fino al 9 giugno, di passeggiare per Vico Equense, non potreste non accorgervi che in città c’è un evento speciale: è il Social World Film Festival, giunto alla sua quarta edizione.
Grandi pannelli con le immagini degli attori invitati campeggiano ad ogni angolo, così come manifesti, grandi e piccoli su tutte le strade. Senza dimenticare il palco allestito in Piazza Kennedy per le proiezioni serali e i cartelli che indicano le direzioni per i luoghi del festival, tra gli altri la S.S. Trinità e Paradiso, l’Hotel Aequa e l’Hotel Sporting. Ad ogni luogo è stato assegnato un nome preso in prestito dalla storia del cinema italiano, ed ecco che spunta l’Arena Loren, la Sala Bertolucci, Largo Mastroianni e la Terrazza Cucinotta, in nome della madrina del festival lo scorso anno.
Gli ospiti, peraltro, non hanno bisogno di alcuna presentazione: ieri è stata la volta di Luca Miniero, stasera Gabriel Garko, fresco dal festival di Cannes dove pochi giorni fa aveva presentato il film di Asia Argento “Incompresa”, e nei prossimi giorni si avvicenderanno Isabella Ragonese, anche madrina del festival, Giancarlo Giannini e Anna Falchi. Ognuno di loro lascerà un calco in bronzo del proprio autografo che andrà a costituire il “Wall of Fame”, il muro dei famosi, un’iniziativa che si ispira al “Walk of Fame” di Hollywood e che non ha precedenti in Italia.
Ma non è finita qui: la programmazione del festival è ricca di proiezioni imperdibili e di altissimo livello. Oltre a numerosi cortometraggi da tutto il mondo, molti in anteprima italiana o mondiale, la selezione ufficiale presenterà molti film già premiati a livello internazionale, ma che difficilmente avremmo potuto vedere distribuiti nelle sale del territorio. Per citarne almeno due, “L’intervallo”, presentato a Venezia nella sezione Orizzonti e che ha guadagnato al suo regista, Leonardo di Costanzo, il David di Donatello come migliore regista esordiente, e “Il sud è niente” di Fabio Mollo, proiettato per la prima volta al Toronto Film Festival.
Insomma, in un colpo solo il Social World Film Festival riesce a valorizzare il cinema di qualità e al contempo ad inserirlo all’interno di una vetrina popolare, aggiungendo all’organizzazione un respiro internazionale. Cultura ed entertainment che vanno a braccetto: tutti gli elementi per un sicuro successo. Accorrette numerosi!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Sommariamente Web Tv
Watch live streaming video from sommariamente at livestream.com
Cerca con google
Ricerca personalizzata
NERI PER CASO a SORRENTO
Facebook
Invia notizia

Il tuo nome (richiesto)

La tua email (richiesto)

Oggetto

Il tuo messaggio

Allega un file

Twitter
Iscriviti alla nostra Newsletter
Utenti iscritti al sito
    35169
Donazioni
Archivi
Protected by Copyscape Duplicate Content Protection Tool