by Somma Informatica
Redazione
Contatta su Skype la Redazione di SommariaMente Free Press per inserire gratuitamente i tuoi articoli
oppure inviaci una mail a redazione@sommariamente.it
Editore
Contatta su Skype l'Editore di SommariaMente Free Press
oppure inviaci una mail a redazione@sommariamente.it
Marketing-Pubblicità
Contatta su Skype l'ufficio commerciale di SommariaMente Free Press per la tua pubblicità sul nostro sito e sul nostro cartaceo
oppure inviaci una mail a commerciale@sommariamente.it per il tuo PREVENTIVO GRATUITO
Cliccaci su Google+
LinkedIn

Sabato 22 giugno al resort “Sola nel Sole” a Meta la serata “Solstizio d’estate” ha avuto una “massima declinazione positiva”, come recitava il sottotitolo dell’evento, grazie al perfetto connubio di piaceri: la mostra d’arte “I nove peccati capitali” del medico-artista Ciro Ruggiero, esposta nella “Galleria dell’arancio”del resort; l’operetta musicale, “Giovanna, la regina apoletana”, scritta diretta ed interpretata da Giuseppe De Chiara, con Carlo Alfaro e Rolando Gianicola e coreografie di Floriana Cafiero, rappresentata nel “teatro dell’albero”; il sorteggio tra gli ospiti di un prezioso gioiello elaborato a mano dall’artista orafo sorrentino, Raffaele Carrano; le degustazioni di vini Terredora, formaggi Perrusio e dolci della pasticceria metese Onna Lucì. “Giovanna, la regina napoletana”- ha spiegato il dottor Carlo Alfaro, appassionato di teatro e di promozione culturale- è un dramma storico e satirico, in prosa e versi, sulla storia della regina Giovanna II d’Angiò Durazzo, da cui prendono il nome i famosi bagni del Capo di Sorrento: la discussa sovrana quattrocentesca che secondo la fantasia popolare dava in pasto i suoi amanti occasionali di una notte al coccodrillo ed era restata folgorata dall’amore con lo stallone, ma che in verità era arrivata al trono inaspettatamente a 42 anni senza nessuna esperienza di governo, in anni estremamente difficili per l’umanità e per le donne in particolare- il pieno Medioevo- e dovette liberarsi con l’aiuto della corte e del fedele valletto Giovanni Berlingieri di Giacomo di Borbone, il marito francese despota che l’avevano indotta a sposare”. Tutto ciò è stato raccontato, con grazia e gusto, nel lavoro teatrale, già più volte replicato dopo il debutto nazionale al Bellini lo scorso novembre, nella rassegna “La corte della formica”.

 

Lascia un commento

Sommariamente Web Tv
Watch live streaming video from sommariamente at livestream.com
Cerca con google
Ricerca personalizzata
NERI PER CASO a SORRENTO
Facebook
Invia notizia

    Il tuo nome (richiesto)

    La tua email (richiesto)

    Oggetto

    Il tuo messaggio

    Allega un file

    Twitter
    Iscriviti alla nostra Newsletter
      35176
    Donazioni
    Archivi
    Protected by Copyscape Duplicate Content Protection Tool