by Somma Informatica
Redazione
Contatta su Skype la Redazione di SommariaMente Free Press per inserire gratuitamente i tuoi articoli
oppure inviaci una mail a redazione@sommariamente.it
Editore
Contatta su Skype l'Editore di SommariaMente Free Press
oppure inviaci una mail a redazione@sommariamente.it
Marketing-Pubblicità
Contatta su Skype l'ufficio commerciale di SommariaMente Free Press per la tua pubblicità sul nostro sito e sul nostro cartaceo
oppure inviaci una mail a commerciale@sommariamente.it per il tuo PREVENTIVO GRATUITO
Cliccaci su Google+
LinkedIn
dscf8719-copia

Gaetano Amato

Poliedrico. Attore di cinema, teatro, fiction e poi scrittore. Gaetano Amato è un po’ l’emblema dello stakanovista dei nostri tempi. In teatro è con Sal Da Vinci in Napoli chi resta e chi parte, lo spettacolo culto degli anni ‘70 che ha consacrato al successo attori del calibro di Massimo Ranieri e Angela Luce, allora giovanissimi e promettenti artisti. Uno spettacolo di Giuseppe Patroni Griffi basato su due atti unici di Raffaele Viviani che, a distanza di 35 anni, Francesca Scarano ha rimesso in scena, dedicandolo al padre Lello, e ne ha affidato la regia e la direzione al grande Armando Pugliese. Gaetano Amato, che per tutti rimarrà sempre Sergio, il poliziotto della serie TV “La Squadra”, ambientata nel cuore di Napoli, è ora nelle sale cinematografiche con l’ultimo gioiello di Woody Allen, Midnight in Paris , in cui appare anche il geniale Roberto Benigni. A gennaio sarà di nuovo in TV, su Canale 5, con “Ultimo“, il cui protagonista è Raoul Bova. Tra tutte queste “fatiche” sorprende però sempre più la sua veste di scrittore. Infatti, ha presentato a novembre il suo terzo romanzo, “Gioco Segreto”. Con quella sua faccia che sa esprimere sguardi cattivi o infinitamente buoni con la stessa naturalezza, Gaetano Amato, “cane sciolto” sul set ma anche nella vita, sa raccontare, emozionando e sorridendo, anche usando carta e penna. Il suo “Gioco Segreto”, edito da Testepiene, è un thriller mozzafiato ambientato nella sua Napoli. Nell’intervista rilasciata alle telecamere di Sommariamente, ha raccontato le emozioni di questa ultima fatica letteraria: “l’idea era di creare una storia incentrata su un serial killer a Napoli, dove di solito si parla di morti ammazzati dalla camorra. Perché un serial killer deve essere per forza americano e chiamarsi John? Il mio, poi, è un assassino “pulito”: ammazza con un colpo di pistola alla schiena. Quasi in sordina, senza spargimento di sangue. Ciò che intriga, è che si tratta di una gara di neuroni. Ad un certo punto i poliziotti capiscono che non possono farcela da soli e allora si fanno aiutare da una psicologa: per creare questo personaggio e farle dire le cose giuste, ho chiesto un aiuto alla mia compagna, che fa questo di mestiere! Grazie a lei, i poliziotti capiscono che per battere l’omicida devono cominciare a ragionare come lui, anticipandone le mosse”. L’amore smisurato per la sua città, fa da sfondo al libro; e pensare che Napoli sia considerata esclusivamente come il sud della monnezza  dimenticandosi che è stata la culla della civiltà e della cultura, lo irrita ogni volta che ne parla. Un amore schietto e sincero per una terra complessa e ricca di storia e di risorse inutilizzate, che Gaetano Amato manifesta ogni volta che è sul palco, sul set e dietro ad una scrivania.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Sommariamente Web Tv
Watch live streaming video from sommariamente at livestream.com
Cerca con google
Ricerca personalizzata
NERI PER CASO a SORRENTO
Facebook
Invia notizia

Il tuo nome (richiesto)

La tua email (richiesto)

Oggetto

Il tuo messaggio

Allega un file

Twitter
Iscriviti alla nostra Newsletter
Utenti iscritti al sito
    35169
Donazioni
Archivi
Protected by Copyscape Duplicate Content Protection Tool