by Somma Informatica
Redazione
Contatta su Skype la Redazione di SommariaMente Free Press per inserire gratuitamente i tuoi articoli
oppure inviaci una mail a redazione@sommariamente.it
Editore
Contatta su Skype l'Editore di SommariaMente Free Press
oppure inviaci una mail a redazione@sommariamente.it
Marketing-Pubblicità
Contatta su Skype l'ufficio commerciale di SommariaMente Free Press per la tua pubblicità sul nostro sito e sul nostro cartaceo
oppure inviaci una mail a commerciale@sommariamente.it per il tuo PREVENTIVO GRATUITO
Cliccaci su Google+
LinkedIn

Il primo compleanno è sempre una ricorrenza particolarmente lieta, e ha ben ragione di esserlo per il gruppo culturale sorrentino “Il caffè delle muse”, che in un anno di vita ha all’attivo una bella pagina facebook con quasi 2000 iscritti, e una serie di eventi culturali di qualità organizzati in Penisola sorrrentina ed anche a Napoli. Il gruppo è nato dalla volontà degli amministratori, il pediatra Carlo Alfaro e l’architetto Marianna Scarpato, assieme ad un manipolo via via sempre più nutrito di loro amici, di promuovere qualunque forma artistica, letteratura, pittura, scultura, teatro, danza, fotografia, nella convinzione che sia importante “partire” dalla cultura e dall’arte per una “rinascita” globale della società. I membri del gruppo vengono iscritti tramite la pagina facebook, dove ha luogo la pubblicazione di materiale realtivo alle iniziative dell’associazione: inviti agli eventi, foto, articoli e commenti. In collaborazione con lo “Square”, il caffè-libreria di Piazza Angelina Lauro a Sorrento, dal luglio 2011 il gruppo cura la rassegna “Aperitivo con l’autore”, felice connubio di cultura e buona tavola, grazie alla degustazione dei deliziosi stuzzichini preparati dalle cucina del locale. Ha aperto il fortunato ciclo la presentazione di Maria Fausto, giovanissima autrice di “Parole dall’eternità ammutolite” e “Son Nata Inchiostro”, il 3 luglio 2011. Lo scrittore Antonio Mocciola e il critico d’arte Gianmarco Cesario, moderatori dell’incontro, dopo una breve presentazione della scrittrice, hanno ceduto la parola a Carlo Alfaro, Giuliana Apreda, Marianna D’Angiolo e Salvatore Veneruso, che si sono alternati nella lettura di filastrocche, testi poetici e narrativi dell’autrice, mostrando squarci di storie fantasmagoriche e dolenti, visioni paesaggistiche irreali e immaginifiche, leggende rivisitate o create, un universo incantato che ha rapito tutti. Anna Bartiromo, artista poliedrica che vanta nel suo curriculum racconti, poesie, saggi, traduzioni, favole, quadri, è stata la protagonista del secondo incontro con l’autore, il 4 settembre 2011. Infaticabile donna di Piano di Sorrento, madre e nonna, docente, giornalista, attiva nel sociale, amante dei viaggi, della natura, degli amici, della vita in ogni sua più minima piega, la pluripremiata artista ha proposto attraverso stralci della sua produzione un incontro con la sua città, con la storia della letteratura italiana, con il mare, con l’Italia che ha tanto visitato e amato. Presentata da Annamaria Gargiulo ed intervistata da Carlo Alfaro, ha affidato la lettura di alcune liriche del suo ultimo libro “Italia viaggio d’amore” a Giuliana Apreda, Marianna D’Angiolo, Marianna Scarpato, Salvatore Veneruso. L’incontro successivo, il 16 ottobre, ha visto di scena la grintosa scrittrice Vittoria Mariani, autentica donna di passione, per la vita, la famiglia, il lavoro, l’arte, la cultura, la storia, il bello, la natura, gli amici, la cucina, ma sopratutto la sua terra, la sua città, Napoli, che ha cantato in liriche deliziose, e in un lungo racconto, “Quattro chiacchiere con Partenope, io ho ascoltato la sua voce”, una sorta di sogno o visione in cui la scrittrice percorre un itinerario appassionato nei luoghi e nella storia della sua vita e della sua città, mirabilmente intrecciate. Ha presentato l’autrice e condotto il percorso letterario Carlo Alfaro, mentre del testo è stata data lettura drammatizzata dalle coinvolgenti voci di Salvatore Veneruso, Giuliana Apreda, Maria Fausto, Marianna D’Angiolo, Marianna Scarpato. Il 25 novembre è toccato poi a Domenico Casa, docente di filosofia di Massa Lubrense e autore del romanzo di successo “Gloria” nel 2006, essere presentato dal Carlo Alfaro e Ina Muhameti, che hanno alternato letture di stralci del suo accattivante “La notte di Daniele”, liberamente ispirato alla tragedia di Cogne, con domande mirate a svelare la personalità dell’autore. “I funeracconti e altre visioni” è stato invece il titolo dell’evento del 27 novembre, in cui il professor Luigi Palmieri, illustre cattedratico di Medicina legale presso l’Università degli Studi di Napoli Federico II nonché pittore appassionato e fecondo, e sua figlia Benedetta, scrittrice emergente di grandi promesse, hanno proposto le loro creazioni artistiche. Luigi ha presentato un vernissage della sua variegata opera pittorica in cui si mescolano stili e suggestioni cromatiche. Sua figlia Benedetta con I funeracconti, di Feltrinelli, una raccolta di otto storie più una che fa da filo conduttore alle altre, che esorcizzano il tema della morte, attraverso ironia, punti di vista e personaggi insoliti, e un pizzico della caratteristica scaramanzia partenopea, sta raccogliendo un successo editoriale e critico di un certo spessore in tutta Italia. Padre e figlia sono stati presentati ed intervistati con garbo e ironia da Carlo Alfaro, che ha condotto il percorso culturale introducendo le quattro lettrici Maria Fausto, Marianna D’Angiolo, Anna Laudati, Marianna Scarpato nella declamazione di passi dei racconti, scelti da Marianna Scarpato. Il 4 dicembre si è poi tenuto l’incontro “Aspettando il Natale”, in cui la lettura di stralci dell’omonimo pamphet di Anna Bartiromo e di alcune poesie a tematica sociale della stessa da parte di Maria Fausto, Giovanni D’Esposito, Marianna Scarpato- che ha coordinato le letture- e Marianna d’Angiolo, ha dato lo spunto al conduttore dell’evento Carlo Alfaro di fare riflessioni sul significato della festività al di là della solita oleografia della famiglia felice riunita attorno all’albero addobbato, tra luci sfavillanti e shopping sfrenato, coadiuvato dagli interventi di operatori delle cooperative sociali del territorio( Angela Sorrentino di Oltre il sogno e Angela Persico de La Coccinella), giornalisti-scrittori impegnati nel sociale(Anna Laudati, Laura Martusciello, Vittoria Mariani, Filomena Baratto, Pierfrancesco Bello), la nutrizionista Rossella Gargiulo che ha messo in guardia dai danni alla salute e all’economia globale degli stravizi alimentari nelle festività natalizie. Il tutto allietato dalle voci straordinarie di Giovanni Iaccarino e Anna Davide che hanno cantato struggenti brani d’autore. L’ 11 dicembre Carlo Alfaro e Marianna Scarpato hanno presentato “Rosella”, intenso romanzo d’esordio della stabiese Filomena Baratto, già interessante autrice di un libro di liriche. Introdotta da Anna Bartiromo ed intervistata da Carlo Alfaro, la scrittrice ha commosso il pubblico in sala con il suo scritto ricco di eventi e colpi di scena, che racconta le tante vicende attraverso le quali passa la protagonista, una donna forte e piena di vita. Gli stralci del testo, scelti da Marianna Scarpato, sono stati declamati da Carlo e Marianna. L’interesse del testo investe più livelli oltre quello strettamente letterario, per lo spaccato socio-culturale che offre di un’epoca- la Vico Equense degli anni ‘50-70-, per i molti temi esistenziali nascosti nelle pieghe della vicenda e, non ultimo, per il valore umano e personale dell’opera, dato che la scrittrice confessa che nulla di ciò che racconta è frutto di fantasia, ma tutto vero e sperimentato nella sua carne di figlia della protagonista. Per chiudere l’anno in bellezza, infine, Laura Martusciello, una brillante scrittrice di origini napoletane, ha presentato il 28 dicembre il suo interessante romanzo di esordio “Margherita”, una commovente storia di violenza e redenzione scritta con stile narrativo robusto e insolito. Carlo Alfaro con la consueta spontaneità e simpatia ha intervistato l’autrice, supportato dai suoi amici che hanno dato voce al testo: Marianna D’Angiolo, Giovanni D’Esposito,Carlo Di Maio, Marianna Scarpato, coordinatrice delle letture. Con l’anno nuovo, gli appuntamenti dell’Aperitivo letterario Square sono proseguiti con rinnovato smalto, a partire da “La mia coperta intessuta di stelle e di sogni”, titolo dell’intenso incontro del 13 febbraio col noto ed amato professore e poeta sorrentino Mario Dolcetti, che, da sempre in prima linea nella difesa di tutte le libertà con la sua poesia di frontiera (raccolta nei testi Senza Confine, Rosa rossa vellutata, Grappoli di stelle, Lusssuria si morde le labbra), tesa ad abbattere la muraglia d’ombra del conformismo, ha risposto per i suoi fans con la consueta classe e humor all’intervista di Carlo Alfaro, tra la declamazione di sedici delle sue poesie dalle quattro interpreti dell’associazione, Maria Fausto, che ha coordinato le letture, Marianna D’Angiolo, Marianna Scarpato e Anna Laudati. Il 28 febbraio è stato di scena l’eclettico scrittore, giornalista e musicista Gianfranco Iovino, col suo nuovo romanzo “Oltre il confine”, un viaggio doloroso tra pedofilia, violenza sulle donne, droga, alcoolismo e depressione, attraverso la storia di una donna abusata fin dall’infanzia, che racconta il suo calvario personale analizzando il quale giungerà a vedere uno spiraglio di speranza. I diritti del testo sono devoluti alla Fondazione ONLUS “Dalla parte dei bambini” di Luca Barbareschi, molto attiva nella lotta alla pedofilia e pedopornografia, e responsabile dell’istituzione della Giornata Nazionale contro la pedofilia, celebrata il 5 maggio di ogni anno. Oltre all’autore, è stata intervistata da Carlo Alfaro la psicoterapeuta Lucia Sorrentino per approfondimento. Belle e commoventi le letture del testo, coordinate da Marianna Scarpato e affidate alla stessa con Marianna D’Angiolo e Anna Laudati. Il 18 marzo l’ “Aperitivo con l’Autore” ha dato vita ad un viaggio affascinante nel territorio della meditazione e del buddismo, attraverso la presentazione del romanzo d’esordio del giovane regista e scrittore Antonio Pedicini “In viaggio con il maestro”, racconto del viaggio di un ragazzo con il suo maestro spirituale, che lo porta a concludere che il viaggio più importante è quello che si fa alla ricerca di se stessi. A presentare la serata come sempre Carlo Alfaro, che ha intervistato l’autore e dato la parola ai contributi di Maurizio Sena, naturopata e buddista, Eugenia Di Leva anche lei da poco praticante buddista, Elisabetta Rubertelli, naturopata e fisioterapista, e infine Marianna Scarpato che ha selezionato e letto alcuni brani tratti dal testo. Anna Bartiromo è stata di nuovo protagonista il 15 aprile 2012 con la sua ultima fatica letteraria, “Gocciolina sui sentieri del mondo(e altre favole ecologiche)”, testo di grande impatto sia per la pregiatezza della scrittura che per il contenuto, mirato a veicolare messaggi educazionali sulla tutela dell’ambiente attraverso la metafora della favola. Presentata e intervistata da Carlo Alfaro, che assieme alla stessa autrice ha letto alcuni stralci dell’opera, la Bartiromo ha ricevuto anche le testimonianze di plauso della docente Carmen Matarazzo, della naturopata Elisabetta Rubertelli e della scrittrice Mena Baratto. Il 22-4 è stata presentata l’autrice gragnanese Ernestina Nappi, scrittrice per vocazione sin dalla tenera età, che ha presentato, sotto la guida dell’intervista di Carlo Alfaro e della lettura di Marianna Scarpato, qualche poesia del suo primo lavoro “I segreti del cuore”, con cui già si fece notare per la sobria delicatezza, e il suo romanzo d’esordio, l’interessante “La colpa innocente”, caratterizzato da stile scorrevole e felice mix di ingredienti- mirabili descrizioni paesaggistiche, intricati rapporti familiari, attitudini paranormali, avventura, giallo- che ne fanno un’opera sul dolore, la perdita, la verità. Il 6-5 è stato invece presentato “Un viaggio lungo una vita”, intenso romanzo d’esordio della 35enne insegnante di Lingua e letteratura inglese stabiese Anna Maria Somma. Un testo nato quasi per gioco, auto-edito dall’autrice tramite il sito Ilmiolibro.it, ma che poi, di lettore in lettore, di presentazione in presentazione, è diventato una bella realtà. Il testo racconta la vita di una giovane donna alle prese con un’illusione d’amore naufragata contro il muro dell’indifferenza e dell’oltraggio, un difficoltoso e lungo percorso verso la riscoperta di se stessa e della propria dignità, un incontro che cambia il destino, e poi ancora un colpo basso del fato, e la difficoltà di una scelta per un finale non scontato. Le letture piacevolmente affidate alle voci di Marianna Scarpato e di Marco Cannavacciuolo e la briosa intervista di Carlo Alfaro hanno fatto conoscere l’autrice al pubblico. La successiva presentazione il 27 maggio è stato l’importante romanzo “Bomba carta, processo al sistema delle concentrazioni editoriali”, noir fanta-politico del giovane scrittore campano Francesco Prisco, giornalista del Sole 24 ore. Una storia fantasiosa ed originale(un’organizzazione eversiva costituita da scrittori esclusi dal sistema di potere della grande distribuzione-LASA, L’accolita scrittori anonimi- che con metodiche terroristiche allo slogan di “non siate indifferenti, siate differenti”sequestra, punisce ed elimina i simboli del potentato editoriale, è oggetto delle indagini di un simpatico commissario di origini napoletane, Gaetano Santaniello, di mediocre cultura ma grande umanità); un’interessante scrittura che punta a creare un nuovo linguaggio, sullo stile di Gadda,”contaminando” con successo napoletano, romanesco, toscano in maniera molto vitale; una sapiente mescolanza di satira e denuncia: questi gli ingredienti che fanno dell’opera un lavoro con tutti i crismi per diventare un caso editoriale. Nella vivace intervista di Carlo Alfaro a Francesco Prisco e ai due relatori, Simone Di Meo, famoso giornalista e scrittore, e Salvatore Pussumato, avvocato, scrittore e amico d’infanzia dell’autore, si è ampiamente discusso del monopolio dell’industria della carta stampata sulla cultura. Il pubblico ha avuto un assaggio del testo attraverso stralci di lettura, coordinati da Marianna Scarpato, ed eseguiti dalla stessa con Marco Cannavacciuolo. C’è stata invece allo Square una grande festa in onore dell’Africa attraverso foto, immagini video, parole, emozioni, sabato 16 giugno, quando Carlo Alfaro e Marianna Scarpato hanno inaugurato “Portami in Africa”, vernissage fotografico di Umberto Astarita: una serie di scatti intensi e significativi che portano direttamente nel cuore nei paesi del Senegal, nei loro colori e nell’essenza della loro gente, dove il famoso fotografo sorrentino, nell’ambito di un’associazione no-profit, si reca per attività di beneficenza e promozione di adozioni a distanza. Ha condotto l’evento Carlo Alfaro, parlando del valore del volontariato “che muove il mondo”, coadiuvato da Adele Paturzo, che ha spiegato il ruolo delle organizzazioni non governative negli Stati del Terzo mondo devastati da carestie, malattie e guerre, da Claudio Celentano, che ha portato la sua testimonianza sui problemi e i bisogni delle popolazioni africane che ha visitato nei suoi viaggi, e dal commovente reportage del viaggio fatto con loro di Lino Esposito di TheCinematographer Lino Esposito Videoproduzioni.

Ma dalla collaborazione tra Square e “muse” è nato, oltre all’Aperitivo con l’autore, un altro bellissimo evento, fortemente voluto e organizzato da Massimo Taurmino del bar-libreria e condotto da Carlo Alfaro: “Art in progress”, che si è svolto a piazza Angelina Lauro per l’intera giornata del primo maggio. Un evento nuovo per Sorrento, pervaso di un senso di arte e cultura che ha contagiato un po’ tutti, turisti, passanti, curiosi, amici, appassionati, che si sono soffermati ad ammirare le opere d’arte dei maggiori pittori e fotografi locali che hanno aderito all’iniziativa, installate lungo le aree adibite a sosta di Piazza Lauro(da cui la denominazione Park-Art), grazie al patrocinio morale del Comune di Sorrento, o si sono cimentati a scrivere e disegnare sul grande telo bianco, dove gli artisti hanno apportato il loro contributo fino a non lasciarne neanche un lembo scoperto a fine giornata, o si sono divertiti a guardare i disegni dei bambini delle scuole materne ed elementari, che hanno esposto sulle colonne della piazza i loro contributi pittorici, o le creazioni degli artisti di strada, o ad ascoltare la presentazione di poesie curate da Carlo Alfaro, Marianna D’Angiolo e Marianna Scarpato, o seguire le straordinarie perfomance musicali delle grandi band locali che hanno suonato ininterrottamente dalle 17.00 alle 23.30, o ascoltare le interessanti argomentazioni degli esperti di alimentazione naturale, tutela della natura e decrescita felice che sono intervenuti, o esercitarsi nelle sensuali dimostrazioni di tango con provetti docenti. Straordinario il finale con Simona Simone e Annamaria Guida eccezionali body.painters di due statuari modelli-ballerini, che si sono scatenati in acrobatiche danze tra le opere d’arte. Tutti gli artisti si sono esibiti in maniera gratuita e spontanea, in una gara di entusiasmo e solidarietà che ha messo in luce una realtà della Penisola sorrentina diversa, che proprio partendo dalla sua parte più vivace, quella artistica e creativa, tenta di risorgere a nuova bellezza e forza.

Col noto giornalista napoletano Giuseppe Giorgio, per la presentazione del suo fortunato libro “Partenope in Pizzeria”, un “affascinante viaggio nella storia della pizza” come definito dello scrittore stesso, le “muse” si sono spostate il 4 febbraio nella accogliente cornice del ristorante Aspiett nu poc, a Massa Lubrense (Sorrento), località Marina del Cantone. Ha condotto il percorso attraverso le suggestioni del testo il sempre bravo Carlo Alfaro, intervistando l’autore tra ricordi d’infanzia, considerazioni sulla pizza, su Napoli, sulla società, sulla vita e sull’arte. Gli invitati hanno poi degustato la deliziosa pizza offerta dall’ Aspiett nu poco. “La pizza – dice l’autore – è ciò che lo stesso popolo partenopeo ha creato con i sentimenti dell’anima e la forza delle mani, è saggezza, è la città racchiusa in un simbolo”. Belle e applaudite le letture di brani del testo (selezionati da Marianna Scarpato) da parte di Nina De Martino, attrice.

Il 21 marzo, per la celebrazione della Giornata Mondiale UNESCO della Poesia, con l’alto Patrocinio del Comune di Napoli, dalla Commissione Nazionale UNESCO e del Comune di Assisi(San Francesco di Assisi è il patrono dei poeti) il gruppo “delle muse” è stato invitato dal presidente dell’Associazione Culturale “L’ancora di Partenope”, Gaetano Coppola, nella splendida cornice dell’Antisala dei Baroni del Maschio Angioino di Napoli. Assieme a tanti altri poeti, Il caffè delle muse ha presentato i suoi artisti Maria Fausto e Mario Dolcetti(letto da Marianna D’Angiolo), e Carlo Alfaro che ha interpretato commuovendo tutti una poesia scritta da lui e dedicata ad un amico morto prematuramente. “Pasolini definì Sorrento una terra fulminata dalla luce”-ha detto Gaetano Coppola presentando il gruppo delle “muse”. L’internazionalità dell’evento è stato sancito dalle musiche del Burkina Faso e la lettura di poesie di artisti del Senegal. Ha chiuso la manifestazione Anita Buono interpretando un brano tratto da Filumena Marturano di Eduardo De Filippo.

Il 2012 è stato anche l’anno dell’approdo del gruppo Il caffè delle muse alla storica Libreria Treves, antico tempio della cultura nel cuore di piazza Plebiscito a Napoli. La prima presentazione è stata il 23 febbraio 2012, con Antonio Pedicini, e il suo “In viaggio con il maestro”, intervistato da Carlo Alfaro, col contributo di Maurizio Sena, naturopata e buddista, e Marianna Scarpato che ha selezionato e letto alcuni brani. “I funeracconti” di Benedetta Palmieri hanno animato il secondo incontro alla libreria, il 10 maggio. A condurre l’evento sempre il brillante Carlo Alfaro, che ha intervistato l’autrice, lasciando poi spazio alla lettura di alcuni brani tratti dal libro, a cura di Marianna D’Angiolo e Marianna Scarpato. Infine il 24 maggio il Caffè delle muse ha presentato Marina Mineo e Marilisa Borsacchi, due artiste che interpretano la vita e le emozioni attraverso due diverse ma ugualmente intense modalità di espressione: la poesia per la prima, autrice della raccolta “Deragliamento”, la pittura per la seconda, che ha esposto tra gli scaffali gremiti di libri della Treves alcuni interessanti dipinti, tra cui uno ispirato proprio ai versi di una lirica inedita della poetessa, che la stessa Borsacchi, anche attrice, ha declamato. L’universo immaginifico di queste due artiste è venuto via via alla luce tra le domande di Carlo Alfaro, la scorsa ai quadri di Marilisa Borsacchi pieni di suggestioni cromatiche, e la lettura delle liriche, curata da Marianna Scarpato, ed eseguite dalla stessa con Marianna D’Angiolo e Arcangelo Pastore, più il “regalo” dell’inedito letto dalla grande attrice teatrale Liliana Palermo. Interessante il commento del famoso giornalista-scrittore e critico d’arte Giuseppe Giorgio sul valore dell’arte come “resistenza”.

Il caffè delle muse è stato anche tra le organizzazioni artefici del ciclo “I Venerdi di Refood” “letteratura, musica, enogastronomia sorrentina d’autore”, dove arte, buona cucina e convivialità hanno trovato un felice punto di incontro a Sorrento, al Refood Restaurant di Giuseppe Savarese in via dell’Accademia, elegante ed accogliente locale nel cuore del centro storico. In collaborazione con il Circolo Endas Penisola Sorrentina onlus presieduto da Adele Paturzo e l’Associazione Amici del libro di Marcianise presieduta dalla professoressa Caterina Vasto, e con la direzione artistica di Antonio Volpe di Telestreet Arcobaleno e la direzione organizzativa di Alberto Cascone, Carlo Alfaro ha intervistato il 16 marzo l’attore e scrittore stabiese Gaetano Amato, popolarissimo per la partecipazione a serie televisive di grande successo(“La squadra”, “Il grande Torino”, “L’uomo sbagliato”, “L’ultimo padrino”, “Crimini”, “Il coraggio di Angela”),molto apprezzato anche a teatro(recente il trionfo con la tournee dello spettacolo “Napoli, chi resta e chi parte”, con Sal Da Vinci e Gigi Morra) e al cinema(ricordiamo la sua recente partecipazione al film di Woody Allen “A Roma con amore”), vincitore di numerosi premi per la sua attività attoriale, e di recente anche scrittore di successo, e infatti alla serata ha presentato il suo terzo romanzo, “Gioco Segreto”, un thriller psicologico ed avvincente ambientato a Napoli. Il 5 maggio è toccato al divo della seguitissima soap-opera partenopea “Un posto al sole”, Patrizio Rispo, che ha presentato il suo best-seller di ricette di cucina napoletana “Un pasto al sole”, con l’accompagnamento musicale del bravissimo sassofonista Lucio Cartelli. Il brillante show-man, accanto al suo editore Luciano Chirico della napoletana “Edizioni GRAF”, ha divertito e interessato il pubblico rispondendo alle interessanti e vivaci domande dei due conduttori degli incontri, Adele Paturzo e Carlo Alfaro, che hanno messo in luce anche il suo cospicuo impegno umanitario. Il 22 giugno infine è stato di scena il popolarissimo attore e cabarettista napoletano Gino Rivieccio, accompagnato dal direttore del prestigioso Premio Penisola Sorrentina Mario Esposito, dalla poliedrica artista santanellese Maria Fausto, in veste oltre che di scrittrice anche di ballerina e cantante, e dal virtuoso maestro di sax Lucio Cartelli. Rivieccio, scatenato, ha incantato il pubblico con la sua inesauribile comicità, il suo humor fatto di grazia, arguzia, sarcasmo, ironia, le sue risposte vivaci, i suoi schetchs improvvisati, il filmato del suo irresistibile spettacolo “La pazienza differenziata”, firmato con Maurizio Di Giovanni e Gustavo Verde.

Con la presentazione di “Una carne sola. Dinamica della relazione d’amore: come nasce finisce, continua”, il saggio di psicologia scritto da due psicoterapeuti, Carlo de la Ville sur Illon e Alba Saddi, coppia nello studio e nella vita, che hanno abilmente concentrato, in un testo interessante e piacevole, la loro esperienza di ricerca e di lavoro clinico effettato con centinaia di coppie, Il caffè elle muse è arrivato il 31 maggio nella sala consiliare del Comune di Piano di Sorrento: il Sindaco Giovanni Ruggiero, il dottor Gennaro Izzo, coordinatore dell’ufficio Piano Sociale Zonale NA13, con la moglie, signora Elena, in veste di lettrice, e Carlo Alfaro in veste di intervistatore-provocatore, hanno sviscerato assieme agli autori il percorso del testo, dall’innamoramento alla creazione della coppia, fino alla prosecuzione del rapporto o alla separazione. Grande finale poi del primo anno del “caffè delle muse” con l’organizzazione di una lotteria di orologi ed annessa messa in scena dello spettacolo teatrale“Il Futuro dietro le spalle”, scritto e diretto dal docente stabiese Giuseppe Infante, a scopo di solidarietà, il 25 giugno al Teatro-Fondazione Oiermo di Castellammare di Stabia e il 27 giugno al Teatro S. Antonino di Sorrento. Temi dello spettacolo la giovinezza inesorabilmente perduta, il senso di colpa e sconfitta, l’enorme potere di una società che schiaccia con le sue regole false e senz’anima i deboli nella loro inascoltata richiesta di affetto: tutto ciò ferisce a morte i personaggi della commedia, che però, incapaci di omologarsi e riconoscere le proprie responsabilità, trovano sempre un’illusione per andare avanti e riscattarsi, attraverso l’ironia, lo scherzo, l’assurdo, il sogno, l’arte. Tutti bravi e con i giusti tempi gli interpreti, benché per lo più non attori professionisti: l’intenso Sandro Fedeli(Massimino), il bravo Salvatore Nastro(Peppino), l’istrionico Carlo Alfaro(Ciro), le belle Anna Raffaella Natale (Brigida), Marianna Scarpato(Sofia), Nunzia Elefante (Benedetta), Maria Infante (Lucia), Nunzia Del Gaudio(Sabrina), Giovanna Di Somma(Carmelina), gli spassosi Marco Cannavacciuolo(Gerardo) e Mario Ferrentino(Vito), lo stralunato Beniamino Santalucia(Modestino).E per il secondo anno di vita del gruppo, tante le sorprese all’orizzonte, promettono Carlo Alfaro e Marianna Scarpato.

fonte: comunicato stampa

Lascia un commento

Sommariamente Web Tv
Watch live streaming video from sommariamente at livestream.com
Cerca con google
Ricerca personalizzata
NERI PER CASO a SORRENTO
Facebook
Invia notizia

    Il tuo nome (richiesto)

    La tua email (richiesto)

    Oggetto

    Il tuo messaggio

    Allega un file

    Twitter
    Iscriviti alla nostra Newsletter
      35176
    Donazioni
    Archivi
    Protected by Copyscape Duplicate Content Protection Tool